Testo di Elisabetta Silvestri, poetessa e scrittrice novarese

 

Ij bisibili dij stradèti

Ij contrà ch’im pòrtan

int ël cheur dla mè cità,

i sbarleugian e

i sùbian dasi dasi;

Vecchia Novara

ij mur ësgarblà im cùntan

dij basin sfrosà

e dij sospir bitigà;

 

ij vìcol tarnighent

i vósan pussè fòrt,

dë mariani fòli

e malnat sensa brìa;

Vecchia Novara

int ij crosieri, la gent,

svojà e malfogà

as në ’ncòrgia mia

ch’ij mur i dètan

silabari dols e brusch

rabajà sù d’ij cheur

ch’i sgótan d’amor…

Vecchia Novara

I bisbigli delle stradine

Le contrade che mi portano

nel cuore della mia città,

sbirciano e

fischiano sommessamente;

 

Vecchia Novara

i muri graffiati mi raccontano

dei baci rubati

e dei sospiri che balbettano;

 

i vicoli puzzolenti

urlano più forte,

di donnacce pazze

e ribelli senza guida;

Vecchia Novara

nei crocevia, la gente,

svogliata e di fretta

non si accorge

che i muri suggeriscono

sillabari agrodolci

raccolti dai cuori

che sgocciolano d’amore…

Vecchia Novara