di Redazione

La battaglia dell’Assietta, assurta a simbolo del valore militare sabaudo, venne combattuta e vinta dagli alleati austro-piemontesi contro gli invasori franco-spagnoli il 19 luglio 1747 a circa 2500 metri di altezza, in difesa del crinale che fa da spartiacque tra la valle della Dora Riparia e quella del Chisone.

L’epico scontro, all’origine dell’appellativo “Bogia nen” assegnato ai soldati sabaudi per la strenua resistenza e poi esteso a tutti i Piemontesi come attributo identitario, s’inseriva nel contesto della Guerra di Successione Austriaca che, innescata da intricate vicende dinastiche seguite all’ascesa al trono di Maria Teresa d’Asburgo, coinvolse gran parte delle potenze europee tra il 1740 e il 1748.