di Milo Julini

Per ricordare Camillo Brero, del quale è stato celebrato il funerale venerdì 12 gennaio a Pianezza (Torino) con una folta partecipazione di associazioni e di esponenti del mondo piemontesista, pubblichiamo un suo articolo del 1989, dedicato alla prima “Sintassi della Lingua Piemontese”, apparso su “Piemontèis ancheuj” del giugno 1999, articolo che bene esprime il suo profondo legame con la nostra Lingua 

La prima “Sintassi dla Lenga Piemontèisa” 

Parej a l’é la prima vòlta ant soa stòria che ‘dcò la Lenga Piemontèisa – crismà ‘dcò da l’arconossiment dël Consej d’Europa – a l’ha soa “Sintassi” scrita.

L’etern preconcet che a veul saré la Lenga piemontèisa drinta ij lìmit irassionaj ëd la letteratura istintiva e popolar s l’é un preconcet che a l’é riessù, per tant temp, a ten-e lontan da soa espression leteraria ij savant ëd la cultura nassional.

Da l’àutra part, jë scritor piemontèis che për salvaguardé e cudì la purëssa dla lenga piemontèisa a lìmito soa atension  a la paròla, a son riussì a dé l’impression – ai superficiaj – che la letteratura piemontèisa a sia frut ëd bonaria improvisassion o na sernia fortunosa ‘d moment ecessionaj ëd brava gent.

A son costi ij motiv prim che an diso che a l’é giumaj ora che ‘dcò jë scritor piemontèis (e nen mach lor) a pijo cossiensa dij valor sintàtich che a dan ànima a nòstra lenga.

E, cost, a veul esse un travaj che a spòrz finalment l’ocasion d’analisé la richëssa sintàtica d’una Lenga neolatin-a – coma la Lenga Piemontèisa – che a l’ha gnente da invidieje a j’àutre Lenghe sorele.

A l’é un travaj nen përfet (i lo savuma bin e i na ciamoma scusa!); un travaj che a veul esse completà, aprofondì e anrichì.

Për lòn che podroma, a l’é lon che – se Dio veul – i vorroma ancora fé!

Cost travaj a veul, però, ‘dcò esse l’espression entusiastica dla magnìfica esperienza (ansi dla aventura maravijosa) goduva intrand anti j segret pì ìntim ëd nòstra Lenga: segret che a son restà stërmà, per tanti sécoj, drinta l’ànima ‘d Nòstr Pòpol.

Un compless ëd régole madurà travers tante generassion che, travers jë sbuj dël sangh, a l’han creà, parlà e vivù nòstra Lenga.

Un tesòr che l’ànima a l’ha sarà ant la trama pressiosa, fin-a e lògica dël misteri dël vive, gropà a lë bzògn dël convive.

Na trama d’òr che a cheuj andrinta ‘dcò noi.

E noi i duvoma sente lë bzògn – pen-a l’alienassion! – ëd cudila e ‘d rendla strument përsonal e ciàir ëd nòstra espression, ansi ‘d nòstra arvelassion a col mond, andoa che noi i artrovoma ij motiv ëd nòstr vive e andoa i realisoma la solidarietà dël convive travers la paròla.

Associazioni e esponenti del mondo piemontesista rendono omaggio a Camillo Brero in occasione del suo funerale, celebrato a Pianezza il 12 gennaio – foto di Roberto Chiaramonte

A l’é parej che lë studi dla Gramàtica e dla Sintassi a dventa na forma indispensàbil d’educassion moral, ëd coerensa con ij prinsipi colturaj ëd nòstra gent e ‘dcò na dissiplin-a interior.

La cossiensa ‘d nòstra Gramàtica e ‘d nòstra Sintassi – antant che a n’uniss a nòstra società natural – an giuta a esse noi, travers a n’onestà spiritual e a na ciairëssa mental.

L’àutra coltura (… scolastica e nen!) a podrà trové an noi soa preus drùa për maduré, mach se a savrà armonisesse a la sava fondamental ëd la Cultura che as esprim ant la Lenga dël sangh.

Tante d’àutre còse a veul dì costa prima “Sintassi dla Lenga Piemontèisa”…

Camillo Brero

Da “Ij Brandé – Armanach ëd Poesìa Piemontèisa” 1989

 

La prima “Sintassi della Lingua Piemontese”

Così è la prima volta nella sua storia che anche la Lingua Piemontese – cresimata anche dal riconoscimento del Consiglio d’Europa – ha la sua “Sintassi” scritta.

Camillo Brero

L’eterno preconcetto che vuole chiudere la Lingua Piemontese dentro i limiti irrazionali della letteratura istintiva e popolare è un preconcetto che è riuscito, per molto tempo, a tenere lontano dalla sua espressione letteraria i sapienti della cultura nazionale.

D’altra parte, gli scrittori piemontesi che per salvaguardare e tutelare la purezza della lingua piemontese  limitano la loro attenzione alla parola, sono riusciti a dare l’impressione – ai superficiali – che la letteratura piemontese  sia frutto di bonaria improvvisazione o una cernita fortunosa di momenti eccezionali di brave persone.

Sono questi i motivi primi che ci dicono che è ormai ora che anche gli scrittori piemontesi (e non solo loro) prendano coscienza dei valori sintattici che danno anima alla nostra lingua.

E questo vuole essere un lavoro che fornisce finalmente l’occasione di analizzare la ricchezza sintattica di una Lingua neolatina – come la Lingua Piemontese – che non ha nulla da invidiare alle altre lingue sorelle.

È un lavoro non perfetto (lo sappiamo bene e chiediamo scusa!); un lavoro che vuol essere completato, approfondito e arricchito.

Per quello che potremo, è quello che – se Dio vuole – vorremo ancora fare!

Questo lavoro vuole, però, anche essere l’espressione entusiastica della magnifica esperienza (anzi dell’avventura meravigliosa) goduta entrando nei segreti più intimi della nostra Lingua: segreti che sono rimasti nascosti, per tanti secoli, nell’anima del Nostro Popolo.

Un complesso di regole maturate attraverso tante generazioni che, attraverso gli sbuj (paura?) del sangue, hanno creato, parlato e vissuto la nostra Lingua.

Un tesoro che l’anima ha chiuso nella trama preziosa, fine e logica del mistero del vivere, legato al bisogno del convivere.

Una trama d’oro che raccoglie dentro anche noi.

Un momento del funerale di Camillo Brero, celebrato a Pianezza il 12 gennaio – foto di Roberto Chiaramonte

E noi dobbiamo sentire il bisogno – pena l’alienazione! – di accudirla e renderla strumento personale e chiaro della nostra espressione, anzi della nostra rivelazione a quel mondo, dove noi ritroviamo il motivo del nostro vivere e dove realizziamo la solidarietà del convivere attraverso la parola.

È così che lo studio della Grammatica e della Sintassi diventa una forma indispensabile dell’educazione morale, di coerenza con i principi culturali della nostra gente e anche una disciplina interiore.

La coscienza della nostra Grammatica e della nostra Sintassi – mentre ci unisce alla nostra società naturale – ci aiuta ad essere noi, attraverso a una onestà spirituale e a una chiarezza mentale.

L’altra coltura (… scolastica e non!) potrà trovare in noi la sua fertile aiuola per maturare, soltanto se saprà armonizzarsi alla essenza fondamentale della Cultura che si esprime nella lingua del sangue.

Tante altre cose vuol dire questa prima “Sintassi della Lingua Piemontese”…

Camillo Brero

Da “Ij Brandé – Armanach ëd Poesìa Piemontèisa” 1989

Funerale di Camillo Brero a Pianezza – foto di Roberto Chiaramonte